LE GRANDI DONNE DELL’ARTE CONTEMPORANEA

L’EXMA – Exhibiting and Moving Arts partecipa alla giornata dedicata alle donne con una doppia proposta.

 

Arrivò il mio turno quando l’uomo mi disse che l’arte è cosa da uomo e di tornare a casa e fare la calzetta, tornai appunto a casa e della calzetta feci il mio lavoro e della casa la mia professione. Cominciai a lavorare sull’autentico, nella casa appunto, per superare quella giustapposizione tra pensiero artistico ed essere donna: il ruolo assurgeva a simbolo stesso di femminilità.

Odinea Pamici

Giovedì 8 marzo per tutta la giornata le donne potranno visitare con ingresso gratuito la mostra Geografie Umane, in corso di svolgimento fino al 20 maggio prossimo. Inoltre domenica 11 marzo, dalle 17.30 alle 18.30, uno speciale appuntamento sulle grandi donne dell’arte contemporanea curato dalla storica dell’arte Simona Campus, direttrice artistica del centro d’arte di via San Lucifero. Anche per questa occasione ingresso gratuito per le donne.

La mostra Geografie Umane è la tappa conclusiva del progetto triennale Sguardi sul mondo attuale che riserva grande spazio alle artiste donne, con le opere di vere e proprie icone della contemporaneità al femminile. Nella settimana in cui la festa dedicata alle donne diventa occasione per riflettere sulle questioni di genere e sul valore delle differenze nella nostra società, l’esposizione diventa occasione per un approfondimento sul contributo che l’arte femminile e femminista ha apportato alla cultura degli ultimi decenni, combattendo gli stereotipi sociali e il mito borghese della donna come dea del focolare.

Domenica 11 marzo, Simona Campus condurrà un affascinante racconto del lavoro artistico delle maggiori protagoniste del ‘900, da Judy Chicago alle Guerrilla Girls. Un riferimento specifico sarà riservato alle opere di Nan Goldin, Marina Abramovic, Cindy Sherman, ORLAN e Odinea Pamici, presenti nelle differenti tappe del progetto Sguardi sul mondo attuale.

 

Quando ho pianto l’ultima volta davanti a un’altra persona?

Un progetto di Cristina Marras / Con RadioX e EXMA – Exhibiting and Moving Arts

Diventa anche tu parte dell’installazione sonora che raccoglie i momenti più intimi dei visitatori: mandaci un messaggio audio su WhatsApp al numero 3483146896 e rispondi alla domanda: quando hai pianto l’ultima volta davanti a un’altra persona?

I messaggi audio inviati verranno usati da Cristina Marras per la creazione di una serie di installazioni sonore che andranno in onda su Radio X e verranno diffuse all’interno della mostra e sui social.

Registra la tua risposta, entra anche tu nell’installazione sonora.

Si tratta di un progetto basato sull’anonimato perciò ti chiediamo di non indicare il tuo nome.

 

Siamo anche su
Join us
SCRIVICI

Vuoi rimanere sempre aggiornato sulle attività proposte dall'EXMA? Scrivici, ti risponderemo appena possibile ;)

Start typing and press Enter to search